Mitologia e segni - Simboli e miti

a mitologia e os signos – símbolos e mitos Mitologia e segni - Simboli e miti


Gli adepti dell'astrologia conoscono i segreti dello zodiaco, l'interpretazione delle stelle e l'influenza della mappa astrale nelle nostre vite. Tuttavia, c'è un aspetto interessante dell'astrologia che non è così noto: la relazione tra Mitologia e Segni. L'astrologia ha diversi patrimoni culturali, che aiutano a interpretare le caratteristiche di ciascun segno. La mitologia greca è una delle eredità forti. La stessa parola zodiaco in greco significa "il ciclo degli animali" e tutti i miti dei segni, ad eccezione dell'Acquario e della Bilancia, si riferiscono agli esseri viventi.





Mitologia e segni - Ariete



L'Ariete possiede lo spirito pionieristico del il primo segno dell'elemento fuoco, che proviene da Amon, un dio egizio che possiede la testa di Ariete ed è il creatore di tutti gli dei. In Mythology greco, la leggenda inizia nella ricerca del velocino dorato (agnello) di Jason. Fu bandito dalla casa dei suoi genitori per essere addestrato dal centauro Quiron. Il padre di Jason, Esam, usurpò il suo regno e toccò a Jason conquistare e riprendere ciò che era suo di diritto. Quindi forma un esercito per recuperare il velocino dorato. Sulla sua strada, incontra Medea, una sacerdotessa e maga. C'è una relazione d'amore tra loro e Medea rivela la posizione del ram d'oro, che si trova nelle sacre foreste di Ares. Riescono a salvare le pecore insieme e riconquistare il regno. Lo zio di Jason, Pelias, resiste a consegnare il trono, il che fa sì che Medea pianifichi il suo omicidio. Jason lascia il trono con Acasto, mentre decide di isolarsi a Corinto. In questa città, ha la possibilità di diventare re sposando la figlia di King Creon. Jason accetta la proposta e lascia Medea, che è disgustata. Come vendetta, Medea maledice il suo vecchio amore con una morte violenta. Alla fine, Jason muore quando un pezzo di legno, Ares, cade sulla sua testa. Questa leggenda rappresenta la natura eroica e combattiva di Ariete.



Mitologia e segni - Toro



Nella mitologia greca, il Toro simboleggia l'istinto umano e le passioni sensoriali. È un simbolo di compulsioni istintive che possono interrompere la capacità di dirigere la vita. Si riferisce anche a Dioniso, il dio della fecondità virile. I miti greci raccontano che Zeus è diventato un toro per conquistare e rapire l'Europa. Tuttavia, è il mito del Minotauro che rappresenta al meglio l'essenza del segno del Toro. Volendo conquistare potere a Creta, Minosse stringe un accordo con Poseidone, offrendo la supremazia dei mari in cambio del sacrificio di un bellissimo toro bianco che gli apparteneva. Poseidone adempie alla sua parte dell'accordo e collabora affinché Minosse diventi il ​​re di Creta. Ma Minos non mantiene la sua parte del patto. Invece del sacrificio del toro bianco, offre un altro toro, facendo infuriare il dio. Poseidone si unisce quindi ad Afrodite per vendetta. Mettono insieme una cieca passione della moglie di Minosse per un toro bianco. Da questa passione nasce il Minotauro, una creatura con un corpo umano e una testa di Toro. Minosse non esegue il Minotauro, accettando la punizione degli dei. Tuttavia, costruisce un gigantesco labirinto per nasconderlo. Minosse deve nutrirlo con giovani vergini due volte l'anno. Teseo è uno dei giovani selezionati per questo sacrificio. Nella sua intercessione, Afrodite fa sì che Arianna, la figlia di Minosse, si innamori del giovane. Quindi, Arianna consegna un gomitolo di lana a Teseo, in modo che possa trovare l'uscita del labirinto e scappare da Minotauro. Teseo sfugge alla morte, libera gli altri giovani che sarebbero sacrificati, sconfigge il Minotauro e poi diventa re di Creta.



Secondo la leggenda, Buddha nacque sotto il segno del Toro. L'immagine di questo animale addomesticato illustra molti racconti buddisti. Il Toro rappresenta sia il potere creativo della terra sia la sfida del controllo dell'istinto per l'equilibrio tra spirito e volontà umana.



mitologia_signos



Mitologia e segni - Gemelli



I fratelli gemelli che rappresentano le caratteristiche di questo segno sono Castore e Polluce. Secondo la mitologia greca, i fratelli sembravano identici, ma Polluce era figlio di Zeus, mentre Castore era il figlio mortale di Tindaro, il re di Spagna. Avevano personalità molto diverse. Polluce era delicato e sensibile e Castore era un guerriero e forte. I fratelli hanno combattuto fino a quando Castor non muore in combattimento con altri fratelli gemelli. Polluce è inconsolabile e implora suo padre, Zeus, di riportare in vita Castore. Tuttavia, Zeus spiega che non può concedere questa richiesta, dal momento che una volta che l'anima scende nel mondo sotterraneo, non può mai tornare. Toccato dal figlio della disperazione, Zeus fa un patto con il dio degli inferi, Ade: Beaver torna alla vita, con la condizione che i gemelli revezassem lo stesso corpo. Così, quando era vivo Castor, Pollux sarebbe scendere agli inferi e viceversa. I fratelli non avrebbero mai incontrarsi di nuovo. Pollux d'accordo con l'accordo e da allora il Gemini vive nella dualità e la lotta contro le due metà.



Un'altra leggenda dei mitici gemelli è quello di Romolo e Remo, divisi anche dalla distanza tra il male e bene. Secondo la mitologia romana, i bambini di Marte erano allattati e nutriti da una lupa. Mentre crescevano, Remus pianificò la morte del fratello, ma Romolo lo uccise prima per autodifesa. Secondo la mitologia greca, il granchio era una creatura appartenente alla dea Era, il guardiano della famiglia, ed era il creatore di Roma. della casa, che è associata al segno del Cancro. Le caratteristiche della dea ricordano i Canceriani. Hera proteggeva coloro che rispettavano il matrimonio, ma era molto gelosa. Volendo dare l'immortalità a Ercole, il suo figlio prediletto preferito, Zeus fece in modo che Hera si addormentasse in modo che il bambino le succhi il seno. In quel momento, la dea si è svegliata e mai più ha perdonato Zeus per questo atteggiamento. Una delle missioni di Ercole fu sconfiggere Hidra, un mostro di diverse teste che abitavano la palude. Come protezione e vendetta, Hera mandò un enorme granchio alla palude. La dea pianificò che il granchio schiaccia Ercole alle sue spalle mentre era in battaglia con Hydra. Tuttavia, Ercole riuscì a sconfiggere sia il granchio che l'Idra. Anche con questo risultato, Hera mise il crostaceo nel cielo, grato per la sua lealtà. Crab e Hera rappresentano la stabilità domestica e l'importanza dei legami familiari.



Nella cultura egizia, lo scarafaggio è collegato a questo segmento dello zodiaco. Lo scarafaggio mette le sue uova in una palla di sterco e lo spinge fino a quando le larve si schiudono, il che ha fatto sì che gli egiziani lo vedessero come un simbolo di una nuova vita. Quindi, il segno era associato al mistero della fonte spirituale della vita, alla fedeltà emotiva e ai valori tradizionali.



Fai clic qui: Cosa NON dovresti fare nel 2018, secondo il tuo segno



Mitologia e segni - Lion



Il segno del Leone è rappresentato nella mitologia greca dal mito del Leone di Nemeia. Come il suo primo lavoro, Hercules ha dovuto affrontare questo leone nella sua caverna e ha sparato frecce per ucciderlo. Tuttavia, Hera aveva dato immunità all'animale contro questo tipo di attacco, non essendo raggiunto anche da lance o tacapes. Quindi, per liquidare il leone, Ercole dovette entrare nella caverna con una torcia per illuminare la strada. Alla fine, riuscì a uccidere l'animale in un combattimento corpo, in cui soffocò l'animale con le mani. Il figlio di Zeus strappò la pelle del leone e cominciò a usarlo come protezione. Questa battaglia simboleggia la lotta contro il nostro ego, una delle principali sfide del leone.



Il Leone è un animale che ha molti volti nella mitologia, dal più regale e nobile al più violento, vendicativo e selvaggio. Nella cultura egizia, la dea dalla testa di leone, Sekhmer, chiamata anche Eye of Ra, rappresenta la conoscenza del futuro. Simboleggia anche l'ira del dio del sole terribile, quando non rispettare la loro volontà. La furia del leone contrastato riflette l'antica dea. Leone è un segno che può avere un forte potere della visione, ma anche un sacco di orgoglio e testardaggine



Clicca qui :. La personalità del dee greche - vedere la tua dea interiore



Mitologia e segni - Virgo



sequestro mito di Persefone è il segno della Vergine nella cultura greca. Persefone era la figlia di Zeus e di Demetra, la dea della fertilità e del raccolto. La ragazza era vergine, che non ha nulla a che fare con il senso sessuale. La parola "virgo", dal latino, significa single o proprietario del naso stesso. L'autosufficienza permetteva alle dee di non interpretare il ruolo delle mogli. Persefone rimarrebbe per sempre vergine e giovane. Tuttavia, durante un gioco con le ninfe nei boschi, fu attratta da una bella giunchiglia. In quel momento, il dio dei morti e degli inferi, Ade, rapì la dea con il suo carro di cavalli neri per essere sua moglie. Demeter è rimasta molto turbata dall'incidente e si è rifiutata di prendere il suo posto su Olympus se non avesse riavuto sua figlia. Quindi non c'era fertilizzazione della terra e il pianeta iniziò ad avere poca vegetazione e nessun raccolto. Evitando una tragedia, Ade e Demetra fecero in modo che Persefone la condividesse a metà tempo con sua madre e metà con suo marito. Nella cultura greca, la Bilancia è associata al simbolo mitologico della dea della saggezza, Palas Atena, che nacque dalla dea della saggezza, Pallade Atena. cervello di Zeus. La dea era responsabile di fornire equilibrio agli opposti, basandosi sulla razionalità e sull'apprezzamento dei diversi bisogni. La leggenda di Parigi, figlio di Priamo, è anche legata alla Bilancia. Parigi fu incaricata da Zeus di scegliere la donna più bella sull'Olimpo. Come ha avuto il dono della diplomazia, è stato il miglior candidato per prendere la decisione tra i tre finalisti: Afrodite, Pallade Atena e Hera. Ogni dea ha mostrato le sue abilità per vincere la competizione. Hera offrì a Parigi potere, ricchezza e un matrimonio fertile. Atene offrì saggezza e vittoria garantite in tutte le dispute a cui partecipò. Alla fine Afrodite si offrì di concedergli l'amore per Elena, la donna più bella del mondo, sposata con il re di Troia, Menelao. Anche se Elena era una donna sposata, Parigi non resistette alla proposta di Afrodite e la elesse come la più bella dea dell'Olimpo.



In Egitto, l'immagine della Bilancia o dell'equilibrio si trova nel guardiano della giustizia, la dea Maat, che ha pesato l'anima dei morti, dondolando col peso di una piuma, che ha determinato quanto fossero leggeri. La Bilancia è un oggetto inanimato zodiacale, che rappresenta imparzialità ed equilibrio



banner mitologia_signos



Mitologia e segni -. Scorpio



Il mito associato con il segno Scorpione è la storia di Orione gigante, esperto cacciatore e figlio di Poseidone, che gli ha concesso il dono di camminare con l'acqua. Orion era il proprietario di un appetito sessuale insaziabile. Nel loro impulsi, ha cercato di molestare la dea Artemide, una vergine eterna, la caccia di protezione, la guerra e la natura istintiva. In risposta a questo atto di violenza, Artemis ha inviato uno scorpione gigante per ucciderlo. L'animale punse il tallone di Orione e lo uccise. Per mostrare gratitudine per i suoi servizi e la sua lealtà, Artemis ha trasformato lo scorpione in una costellazione.



Lo Scorpione è conosciuto in Mesopotamia come un bracconiere - che rappresenta il declino del potere del Sole in autunno. Simboleggia i poteri della natura, che diventa infuriato quando viene minato dall'arroganza degli uomini. Sebbene lo Scorpione sia ritratto come una creatura pericolosa nei miti, riflette solo la risposta della natura indignata. Giustizia irrinunciabile per coloro che non hanno umiltà.



Mitologia e segni - Sagittario



Il segno del Sagittario è associato ai due miti. Il primo riguarda Zeus (o Giove), il figlio di Crono e Rea. Crono divorò i suoi figli, temendo di perdere il potere e di essere deposto. Rhea ha deciso di proteggere Zeus consegnando invece una pietra. Quando è cresciuto, Zeus ha deciso di affrontare suo padre in diverse battaglie per ottenere il potere. Quando finalmente ci riuscì, divise il regno conquistato con i suoi fratelli. La Terra rimase con Zeus, i mari con Poseidone e il mondo sotterraneo dei morti con Ade. Questa leggenda è controversa perché è legata alla dualità della reggenza del pianeta Giove nei segni di Pesci e Sagittario.



Un altro mito famoso legato al Sagittario è quello del centronus Chirone. Mezzo cavallo, mezzo uomo, era conosciuto come il signore della guarigione, delle erbe medicinali e dell'alchimia. Una volta fu colpito da una freccia avvelenata dal sangue di Hydra. Essendo immortale, è sopravvissuto, ma la ferita non è mai guarita. Chirone aveva una grande saggezza e la sofferenza aumentava le sue conoscenze. A causa della sua sofferenza per la ferita senza cura, Prometeo gli permette di morire per porre fine al dolore. Chirone diventa quindi una costellazione.



La nomenclatura Sagittaria deriva dalla parola latina sagitta, che significa freccia. La freccia del centauro. È un simbolo che cerca la verità, una comprensione migliore e più alta. La figura del centauro, metà divinità metà animale, rappresenta il paradosso degli uomini, in cui gli istinti distruttivi devono essere guidati da una visione con valori sacri.



Mitologia e segni - Capricorno



Ci sono diversi miti associati al Capricorno. Una delle leggende riguarda la capra Amalthea, che allattò Zeus quando era piccolo. Il latte è stato preso dal suo corno, la cornucopia. La capra era così orribile che gli dei lo volevano nascosto nell'oscurità di una grotta sul monte Ida per non disturbare il piccolo Zeus. Da adulto, Zeus era forte e in salute grazie ad Almatéia. Il dio doveva affrontare i Titani e si vedeva disarmato per questo. L'oracolo suggerì a Zeus di uccidere la capra e vestire la sua pelle per diventare invincibile. Quindi fu fatto il primo sacrificio della Capra, che morì per il bene dell'altro dopo essersi dedicato a se stesso. Questo è il simbolismo del Capricorno che è il martire che si sacrifica per il bene di tutti.



La capra simboleggia molti significati: l'abbondanza della Terra, l'inevitabile carattere del tempo e la speranza della redenzione quando c'è un senso di la mortalità. Struttura e abbandono, oscurità e luce. I Contrari sono dimostrati nella natura contraddittoria di questo segno.



Mitologia e segni - Acquario

Il segno dell'Acquario è associato a Prometeo, cugino di Zeus. Era un dio della terra, un Titano, che aveva il dono della profezia. Prometeu era uno studente di Atena, dea della saggezza, con la quale acquisì conoscenze in architettura, astronomia e navigazione. Per ripagare, ha insegnato tutto ciò che sapeva agli uomini. Divulgando segreti divini all'umanità, ricevette una punizione da Zeus, che decise di privare gli uomini dell'incendio. Con l'aiuto della sua amante, Prometeo rubò il fuoco divino del dio Sol Apollo e conferì agli uomini. Zeus arrabbiato, ha deciso di punirlo con tormento eterno e lo ha incatenato a una montagna dove ogni giorno un'aquila mangiato il suo fegato. Il giorno seguente, il fegato fu ricostituito e l'aquila lo mangiò di nuovo. Punizione è conclusa solo quando Ercole ha visitato il regno di Ade per la cattura di Cerberus e Zeus ha permesso di Prometeo fu liberato da insegnargli l'unica forza che non aveva ancora :. predire il futuro



0 la sostanza che le accuse portatore d'acqua che si tratti di fuoco, acqua o elisir di vita, non è facile definirlo. La leggenda di Prometeo dimostra che la saggezza, il potere mentale e la conoscenza che possiede l'Acquario possono creare un mondo più efficiente, in cui tutti svolgono il loro ruolo e costruiscono un bene comune.



Mitologia e segni - Pesci Nella mitologia greca Dionisio, dio dell'intossicazione dei sensi, della metamorfosi, dell'estasi del vino, rappresenta il mito del segno dei Pesci. Dioniso era il figlio di Persefone e di Zeus e per gli ordini di Era fu rapito e divorato dai Titani. Zeus punì i Titani uccidendoli con un fulmine e diede il cuore del figlio a Semele, che lo inghiottì e iniziò a gestire Dioniso. Qualche tempo dopo, Zeus prese il bambino dal ventre della principessa tibetana e lo mise sulla sua coscia per proteggerlo. Quando Dioniso tornò in vita, Zeus incaricò Hermes di prendersi cura di lui. Dionisio possedeva molti poteri e i suoi riti precedevano tutte le celebrazioni religiose, indipendentemente dall'adorazione compiuta. Nella cultura siriana, il pesce era legato alla dea della fertilità, Atargatis o Derke, che era raffigurata con la testa di una donna e il corpo di pesce. Per i greci, questa divinità fu identificata come Afrodite. Nel simbolo del segno, i due Pesci rappresentano il ciclo annuale e fertile della natura. Il ciclo eterno di nascita, morte e rinascita governato dal ritmo della natura.



Powered by Blogger.